crowdfunding culturale

Archivi categoria

Crowdfunding culturale: sgravi e aspetti contributivi.

Iniziamo col dire che il crowdfunding culturale è sempre più utilizzato e sovente viene confuso con altri tipi di crowdfunding come quello di tipo equity o lending che, fortunatamente per noi, presentano aspetti tributari e fiscali molto più complessi e questo, in un paese come il nostro è una gran bella notizia.

Molte associazioni non profit come associazioni ed Enti culturali, si avvalgono di questo straordinario strumento di finanziamento alternativo e dal basso, perché consente di presentare senza troppe formalità, un progetto ad  una moltitudine di potenziali donatori, praticamente un numero infinito in teoria.

La preparazione di una campagna di crowdfunding, oltre a focalizzarsi sulla preparazione , e successiva presentazione dei contenuti, : deve tenere in conto anche gli aspetti spesso fiscali e contabili. Qualcosa di certamente meno divertente ma indispensabile per non ritrovarsi brutte sorprese future.

Abbiamo pensato a scrivere un breve articolo per darvi una mano a capire quale tipo di crowdfunding può funzionare meglio per voi, senza usare un linguaggio complesso. Poche semplici regole utili a capire come comportarsi dopo che sono arrivate le donazioni.

Iniziamo dalle basi: che cos’è il crowdfunding?

Il crowdfunding è un metodo moderno per raccogliere soldi online e sostenere progetti di organizzazioni no profit quando non hanno abbastanza fondi per farlo da sole.

In pratica, si tratta di  sollecitare donazioni su internet attraverso piattaforme specializzate.

Il percorso iniziale è piuttosto semplice. L’organizzazione non profit pubblica il suo progetto sulla piattaforma indicando quanto denaro gli serve e creando un “piano ricompense “ da dare in cambio ai donatori.

Ovviamente, bisogna saper scrivere un progetto decente, cosa che non è sempre così scontata (se volete saperne di più sulla progettazione, potete dare un’occhiata al nostro blog dove trovate decine di articoli suddivisi per argomento).

Il crowdfunding dal punto di vista contabile

Per capire come trattare i soldi raccolti tramite crowdfunding dal punto di vista contabile, dobbiamo dare un’occhiata alle regole delle organizzazioni no profit e a un documento della Fondazione Nazionale dei Commercialisti.

Questo documento dice che i soldi raccolti online tramite crowdfunding sono considerati “donazioni in denaro”. In altre parole, sono soldi che la gente dà all’organizzazione senza ricevere nulla in cambio.

Ma se la campagna di crowdfunding prevede una “ricompensa” in cambio dei soldi (come regali o servizi), la situazione si fa più complicata e bisogna valutare caso per caso se questa attività rientra tra gli scopi dell’organizzazione o se è un’attività commerciale.

La gestione fiscale dei fondi raccolti dipenderà da questa decisione.

Gli enti no profit hanno l’obbligo di  redigere un rendiconto entro quattro mesi dalla fine dell’anno fiscale, in cui devono spiegare in modo chiaro quanto hanno raccolto e come intendono usare queste somme per la realizzazione del  progetto di crowdfunding.

Il crowdfunding dal punto di vista fiscale

I soldi raccolti tramite crowdfunding non sono soggetti all’IVA, secondo le leggi fiscali. Inoltre, non sono tassati, come stabilito dal Testo Unico delle Imposte sui Redditi.

In sostanza, non dovete preoccuparvi di pagare l’IVA o le tasse sui soldi raccolti in questo modo.

I vantaggi fiscali per i donatori

Le persone che donano soldi a un’organizzazione no profit tramite crowdfunding possono dedurre o detrarre queste somme dalla loro dichiarazione dei redditi (modello 730 o modello Unico).

La guida pubblicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate contiene tutte le informazioni che vi servono.

Inoltre, è possibile dedurre le donazioni anche se l’organizzazione ha sede all’estero.

La Corte di Giustizia europea ha stabilito che potete usufruire delle detrazioni fiscali previste nel vostro Paese anche se si dona  ad un’organizzazione in un altro Paese.

In conclusione

Il crowdfunding è un bel modo per le organizzazioni no profit di raccogliere soldi. È democratico e può portare a grandi risultati.

Ma, come in ogni cosa, è meglio fare le cose con cautela e non farsi accecare dalle opportunità che offre. Prima di lanciarvi, è consigliabile consultare un esperto del Terzo Settore per assicurarsi di avere tutto sotto controllo, specialmente dal punto di vista fiscale e contabile.

È importante anche comunicare chiaramente ai vostri donatori come state usando i soldi e quali risultati state ottenendo.

La trasparenza è fondamentale per guadagnare la fiducia dei donatori, sia per questo progetto che per quelli futuri.

Se avete domande specifiche o volete chiarire qualche dubbio prima di iniziare, sentitevi liberi di scriverci alla email progetti@innamoratidellacultura.it

E ricordate, se volete fare crowdfunding, dovete saper scrivere un buon progetto…se volete imparare a farlo chiedete una consulenza gratuita di 30 minuti.

Redazione www,innamoratidellacultura,it

Crea e lancia la tua campagna di crowdfunding culturale.

Negli ultimi anni, le piattaforme di crowdfunding hanno rivoluzionato il modo in cui i progetti culturali vengono finanziati. Grazie a queste piattaforme, artisti, scrittori, registi e altri creativi come te possono presentare le loro idee direttamente al pubblico e ottenere il sostegno finanziario necessario per realizzarle.

Tuttavia, prima di pubblicare una campagna di raccolta fondi culturale su una piattaforma di crowdfunding di tipo reward, ci sono alcuni passaggi cruciali da seguire.

 In questo articolo, esploreremo quali sono questi passaggi e come possono aiutarti a massimizzare le tue possibilità di successo.

Passaggio 1: Definisci il tuo progetto e il suo scopo Prima di avventurarti nel mondo del crowdfunding, devi avere una chiara comprensione del tuo progetto e del suo obiettivo. Che si tratti di un libro, un film, un album musicale o un’installazione artistica, devi essere in grado di spiegare in modo conciso e coinvolgente cosa rende il tuo progetto speciale e perché le persone dovrebbero sostenerlo.

Passaggio 2: Ricerca approfondita delle piattaforme di crowdfunding. Esistono diverse piattaforme di crowdfunding di tipo reward, ognuna con le sue caratteristiche e il proprio pubblico di riferimento. Effettua un’analisi approfondita su queste piattaforme e valuta quale sia più adatta al tuo progetto culturale. Considera anche le commissioni e le politiche di pagamento delle piattaforme per scegliere quella che meglio si adatta alle tue esigenze finanziarie e certamente, scegliere una piattaforma verticale come www.innamoratidellacultura.it presenta l’indiscutibile vantaggio di rivolgersi ad un pubblico di persone già potenzialmente interessate al tuo progetto.

Passaggio 3: Prepara un piano di raccolta fondi. Un piano di raccolta fondi ben strutturato è fondamentale per una campagna di crowdfunding di successo. Stabilisci un obiettivo finanziario realistico, prendi in considerazione i costi di produzione e quelli che serviranno alla promozione del tuo progetto e definisci le ricompense che offrirai ai sostenitori. Assicurati di impostare  dei traguardi intermedi per mantenere alta l’attenzione dei tuoi sostenitori durante la campagna.

Passaggio 4: Crea un video e una pagina di campagna coinvolgenti. Uno dei componenti più importanti di una campagna di crowdfunding è un video di presentazione coinvolgente. Il video dovrebbe essere breve, chiaro ed emozionante, catturando l’essenza del tuo progetto e spingendo i potenziali sostenitori a partecipare. Inoltre, crea una pagina di campagna ben progettata che fornisca informazioni dettagliate sul progetto, le ricompense offerte e il tuo background creativo.

Passaggio 5: Promuovi la tua campagna attraverso i canali di comunicazione appropriati. Una volta che la tua campagna è online, è fondamentale promuoverla attraverso i canali di comunicazione appropriati. Utilizza i social media, il tuo sito web, blog e contatti con il pubblico per aumentare la visibilità della tua campagna. Coinvolgi amici, familiari e colleghi nella promozione, chiedendo loro di condividere la tua campagna con i loro contatti. Partecipa a eventi culturali locali o a conferenze per presentare il tuo progetto e attirare potenziali sostenitori.

Passaggio 6: Mantieni un’interazione costante con i sostenitori. Durante l’intera durata della tua campagna di raccolta fondi, è fondamentale mantenere un’interazione costante con i tuoi sostenitori. Rispondi tempestivamente alle domande e ai commenti dei potenziali sostenitori sulla pagina della campagna o attraverso i canali di comunicazione dedicati. Invia aggiornamenti regolari sulla progressione del tuo progetto e ringrazia i tuoi sostenitori per il loro sostegno.

Passaggio 7: Gestisci le ricompense e la loro consegna. Le ricompense che offri ai tuoi sostenitori sono un modo per ringraziarli per il loro supporto e incentivare ulteriori contributi. Assicurati di pianificare e organizzare accuratamente la consegna delle ricompense, sia che si tratti di copie del tuo libro, di DVD del tuo film o di altri oggetti correlati al tuo progetto. Rispetta le scadenze promesse e comunica con i sostenitori per fornire aggiornamenti sulla consegna delle ricompense.

Passaggio 8: Monitora e valuta i risultati. Una volta terminata la tua campagna di raccolta fondi, dedica del tempo a monitorare e valutare i risultati. Analizza le metriche chiave come il numero di sostenitori, il finanziamento ottenuto e l’efficacia delle tue strategie di promozione. Prendi nota delle lezioni apprese e delle aree in cui potresti migliorare per future campagne o progetti.

Conclusioni: La pubblicazione di una campagna di raccolta fondi culturale su una piattaforma di crowdfunding di tipo reward può essere un’opportunità entusiasmante per finanziare e realizzare il tuo progetto creativo. Seguendo i passaggi descritti in questa guida, sarai in grado di sviluppare una campagna efficace e coinvolgente, attirando il sostegno e l’interesse di un pubblico appassionato. Ricorda sempre di comunicare in modo chiaro la tua visione e di mantenere un rapporto stretto con i tuoi sostenitori, poiché sono loro che renderanno possibile la realizzazione del tuo progetto culturale.

Buona fortuna!

Redazione www.innamoratidellacultura.it

Hai un’idea in mente e hai bisogno di sapere come realizzare una campagna di crowdfunding?

Manda una email a progetti@innamoratidellaculura.it

Come valutare se il nostro progetto è adatto per una campagna di crowdfunding culturale

Il crowdfunding culturale è un settore che richiede un’accurata pianificazione.

Punto primo: partiamo chiedendoci perché il nostro progetto dovrebbe funzionare.

Questa domanda ci permetterà di verificare se è davvero il crowdfunding lo strumento più adatto per le caratteristiche della nostra organizzazione, se potrà suscitare l’interesse del pubblico e della nostra community e se ha elementi di originalità rispetto ad altre proposte già presenti online.

Per costruire una campagna di crowdfunding culturale efficace, è fondamentale focalizzarsi sull’oggetto della campagna stessa.

Questo significa definire obiettivi specifici e misurabili che abbiano un impatto chiaro sulla comunità. Dobbiamo dedicare tempo e risorse sufficienti per realizzare una presentazione del progetto breve, efficace, interessante e originale.

È importante tenere presente che il potenziale donatore ha poco tempo a disposizione per ascoltare e leggere la proposta, e si trova in un contesto in cui vi sono molte altre cause che competono per la scelta dei donatori.

Nella valutazione del progetto, è essenziale considerare quali ricompense offrire alle persone. È possibile scegliere se prevedere ricompense o meno, ma nel caso si opti per una campagna basata sulle ricompense, è fondamentale costruire i doni in base agli interessi e alle caratteristiche delle persone che compongono la nostra community.

Nei progetti creativi e culturali, la ricompensa più ambita sembra essere quella di far parte del progetto stesso o di avere accesso esclusivo o in anteprima al prodotto culturale.

Un altro aspetto da considerare è l’analisi del pubblico di riferimento. Dobbiamo valutare a quale tipologia di persone potrebbero appartenere i nostri donatori e quanti potenziali donatori potrebbero essere interessati. È fondamentale valutare l’estensione e la composizione delle reti sociali dell’organizzazione, nonché i contatti presenti nel database che potrebbero essere inclini a donare per il progetto proposto.

La gestione interna dell’organizzazione è altrettanto importante. Dobbiamo identificare le persone che lavoreranno alla realizzazione e alla promozione della campagna, sia all’interno che all’esterno dell’organizzazione culturale.

È fondamentale che ci siano competenze di base in comunicazione, marketing e social media per gestire la campagna in modo efficace. Ricordiamo che “le persone donano alle persone”, quindi sarà più efficace se coloro che promuovono la campagna mettono in prima persona il proprio impegno, costruiscono uno storytelling accattivante e coinvolgente e si identificano con il progetto.

Prima di lanciare una campagna di crowdfunding per progetti culturali e artistici, è fondamentale verificare la presenza e la qualità della presenza digitale dell’organizzazione.

Dobbiamo controllare se l’organizzazione o il progetto ha un sito web responsive e aggiornato, che permetta la creazione di una landing page dedicata alla campagna di crowdfunding e che sia integrato con una sezione apposita per la campagna stessa.

Dobbiamo valutare lo stato di salute dei social media, in particolare di Facebook e Instagram: quanto sono attivi e se vi è una strategia editoriale definita. Dobbiamo considerare se sia necessario creare un nuovo account o se possiamo utilizzare uno già attivo.

Dobbiamo inoltre verificare se l’organizzazione dispone di un database di contatti profilato e strutturato. Tuttavia, il lavoro per una campagna di crowdfunding non si limita all’ambito online. Dovremo anche organizzare azioni per coinvolgere potenziali donatori offline, avvicinandoli gradualmente al progetto, considerando che non tutti sono pronti per il digitale.

La gestione del timing è un aspetto importante per una campagna di crowdfunding culturale. Non ci sono periodi dell’anno specifici giusti o sbagliati, ad eccezione forse dei mesi estivi. Il momento migliore per lanciare la campagna è quando abbiamo completato la verifica dell’esistenza e dell’efficacia di vari canali di comunicazione digitale a disposizione dell’organizzazione culturale.

Infine, dobbiamo stabilire l’obiettivo economico della raccolta fondi che vogliamo raggiungere attraverso la piattaforma di crowdfunding.

È importante considerare che l’80% dei progetti finanziati tramite crowdfunding ha un obiettivo compreso tra 1.000 e 10.000 euro

Per determinare l’obiettivo di raccolta fondi, dobbiamo infine considerare una serie di fattori, inclusi i costi della piattaforma e delle commissioni bancarie, le spese dirette del progetto e delle eventuali ricompense. Inoltre, dobbiamo valutare le risorse necessarie per promuovere il progetto, sia in termini di competenze professionali che di materiali.

In conclusione, valutare attentamente ogni elemento del nostro progetto e pianificare una campagna di crowdfunding culturale richiede tempo, risorse e competenze specifiche per arrivare pronti al lancio.

Ecco alcune pubblicazioni in italiano che trattano il tema del crowdfunding culturale:

  1. Crivellaro, E., & Galvan, E. (2016). Crowdfunding: L’arte del finanziamento collettivo. Franco Angeli.
  2. Floris, M., & Andreini, L. (2018). Crowdfunding culturale. Edizioni Nuova Cultura.
  3. Marinelli, M. (2017). Crowdfunding culturale. L’arte di finanziare un progetto con il sostegno della folla. Edizioni Ambiente.
  4. Marino, V. (2018). Crowdfunding culturale. Crea e finanzia il tuo progetto artistico. La Gru.
  5. Ponziani, F. (2016). Crowdfunding per l’arte. Come promuovere, finanziare e realizzare progetti culturali. Gangemi Editore.

Se vuoi lanciare la tua campagna di crowdfunding culturale scrivi a

progetti@innamoratidellacultura.it

Consigli e strategie per raggiungere gli obiettivi di crowdfunding.

Il crowdfunding è quella modalità di raccolta fondi che coinvolge una grande quantità di persone che donano denaro o risorse per supportare un progetto o un’idea. Il crowdfunding basato sulla ricompensa offre a chi finanzia un incentivo per la loro donazione che in genere avviene sotto forma di un prodotto, un servizio o una gratificazione simbolica come, per esempio, un biglietto omaggio, una visita privata con il curatore o una lezione privata di musica, di danza, di canto..

Comprensione dell’importanza delle ricompense nelle campagne di crowdfunding.

Le ricompense sono l’elemento cruciale delle campagne di crowdfunding basate sulla ricompensa. Infatti, le persone sono più ben disposte a donare denaro se ricevono una ricompensa in cambio. Le ricompense possono essere di vario tipo e certamente variano a seconda del progetto e del target di riferimento. In generale, le ricompense includono prodotti esclusivi, servizi personalizzati, esperienze uniche, crediti, riconoscimenti e molto altro. La fantasia del progettista nel proporre delle ricompense interessanti è l’elemento chiave utile per convincere le persone a partecipare.

Tipologie di ricompense nelle campagne di crowdfunding

Esistono diversi tipi di ricompense nelle campagne di crowdfunding, a seconda del progetto e del target di riferimento. Le ricompense possono essere suddivise in quattro categorie principali:

  • ricompense materiali
  • ricompense immateriali
  • ricompense esperienziali
  • ricompense di ringraziamento.

Le ricompense materiali includono prodotti esclusivi, gadget, accessori e oggetti simili.

Le ricompense immateriali includono crediti, riconoscimenti e simili.

Le ricompense esperienziali includono viaggi, eventi, workshop e simili.

Le ricompense di ringraziamento includono semplici messaggi di ringraziamento o riconoscimenti pubblici.

Stabilire obiettivi realistici di raccolta fondi

La definizione degli obiettivi di raccolta fondi è un elemento cruciale delle campagne di crowdfunding. Gli obiettivi di raccolta fondi dovrebbero essere realistici e basati su una valutazione accurata dei costi effettivi di realizzazione del progetto. Inoltre, gli obiettivi di raccolta fondi dovrebbero essere suddivisi in obiettivi intermedi e finali, in modo da motivare i finanziatori e raggiungere degli obiettivi concreti. Impostare un obiettivo di raccolta troppo elevato è errato. Meglio impostare degli step ragionevoli e lavorare focalizzati per raggiungerli, tracciando un percorso di promozione della campagna in grado di incentivare le persone a partecipare “un passo alla volta” e sollecitando le donazioni con messaggi di irngraziamento ed incitamento a partecipare.

Creare un pitch convincente per la campagna di crowdfunding

Il pitch è un elemento cruciale delle campagne di crowdfunding. Il pitch dovrebbe essere breve, chiaro e coinvolgente. Il pitch dovrebbe presentare il progetto in modo convincente, spiegando il suo valore per il target di riferimento. Inoltre, il pitch dovrebbe presentare le ricompense in modo chiaro e attraente, spiegando il loro valore per i finanziatori. Nel crowdfunding di tipo reward il pitch si traduce come capacità di scrivere dei contenuti coinvolgenti e girare un video (video pitch, per l’appunto) breve e incisivo.

Consigli per promuovere la campagna di crowdfunding

La promozione è un elemento cruciale delle campagne di crowdfunding. La promozione inizia sempre prima del lancio della campagna e continua durante tutta la durata della campagna. La promozione nella fase di pre- campagna si struttura su fasi diverse, tutte con l’obiettivo di definire il target di persone e creare un database di nominativi da sollecitare quando partirà la campagna. La seconda fase di comunicazione include l’utilizzo di social media, la pubblicità online e offline, la realizzazione di eventi dedicati alla promozione del progetto che andrà in crowdfunding e simili. Inoltre, la promozione dovrebbe coinvolgere il target di riferimento in modo attivo, attraverso sondaggi, feedback e simili che possono essere realizzati sia digitalmente che offline con la compilazione di moduli per la raccolta dei dati.

Strategie per massimizzare le ricompense di crowdfunding

La massimizzazione delle ricompense di crowdfunding è un obiettivo importante delle campagne di crowdfunding. Per massimizzare le ricompense, è essenziale offrire ricompense attraenti e di valore, in grado di motivare i donatori. Inoltre, è importante offrire un numero limitato di ricompense in modo da creare un senso di urgenza tra chi dona. Infine, è importante creare un’esperienza coinvolgente per i finanziatori, attraverso aggiornamenti regolari, feedback e simili utilizzando attivamente i canali social, il digital marketing (invio di email) le liste broadcast su whatsapp e le telefonate se si conosce il donatore,

Errori comuni da evitare nelle campagne di crowdfunding

Ci sono diversi errori comuni che le persone commettono nelle campagne di crowdfunding. Uno dei principali errori è quello di non aver definito un piano di marketing chiaro e dettagliato. Un altro errore comune è quello di non offrire ricompense attraenti e di valore. Infine, un altro errore comune è quello di non avere un obiettivo chiaro e realistico di raccolta fondi. Spesso riceviamo richieste per campagne di crowdfunding con obiettivi di raccolta superiori ai 10.000 euro. Dopo aver fissato la telefonata gratuita di consulenza che mettiamo a disposizione per coloro che vogliono far partire una campagna di crowdfunding su www.innamoratidellacultura.it

, ci rendiamo conto che le persone non capiscono il nesso che c’è fra numero di donatori, importo delle ricompense e obiettivo finale di raccolta.

Esempi di campagne di crowdfunding di successo con grandi ricompense

Ci sono molti esempi di campagne di crowdfunding di successo con grandi ricompense. Uno dei più famosi è stato il progetto di smartwatch Pebble, che ha raccolto oltre 20 milioni di dollari. Altri esempi includono il progetto di gioco da tavolo Exploding Kittens, che ha raccolto oltre 8 milioni di dollari, e il progetto di film Veronica Mars, che ha raccolto oltre 5 milioni di dollari. Nella cultura questo tipo di obiettivi non si riescono a raggiungere. In Italia, proprio per supportare i progettisti nella difficolta del mercato, alcune piattaforme propongono campagne con grant che di fatto raddoppiano l’obiettivo di raccolta supportando il progettista nella difficolta di raggiungere somme importanti. Lo stesso successo può essere raggiunto senza il grant ma solo se il progettista impara a comunicare correttamente il suo progetto e a mettere in atto le strategie di marketing necessarie per contattatare il numero di persone necessario a raggiungere la cifra definita come obiettivo.

Conclusioni – Riepilogo dei punti chiave per le ricompense di crowdfunding di successo

In sintesi, la massimizzazione delle ricompense di crowdfunding è un elemento importante delle campagne di crowdfunding. Per massimizzare le ricompense, è centrale offrire ricompense attraenti e di valore, creare un pitch convincente, promuovere la campagna in modo efficace e evitare errori comuni. Infine, gli esempi di campagne di crowdfunding di successo possono fornire un’ispirazione preziosa per le future campagne di crowdfunding. Su questo punto il nostro suggerimento è quello di andare a cercare campagne simili al proprio progetto e copiare i contenuti e le strategie di ricompensa applicate.

Se vuoi lanciare la tua campagna di crowdfunding scrivi a progetti@innamoratidellacultura.it

Se vuoi realizzare i contenuti per la tua campagna di crowdfunding fissa una consulenza inviando un messaggio whatsapp al numero 3311671779

#Crowdfundingrewards #crowdfundingmodels #rewardscrowdfunding #crowdfundingrewardideas #Crowdfundingcampaign

Crowdfunding. Il successo arriva dalla community.

Caro “innamorato della cultura”, sei pronto a scoprire come lanciare la tua campagna di crowdfunding culturale? Sei arrivato nel… post… giusto!

Prima di iniziare a spiegarti che cosa devi fare però, voglio assicurarmi che tu abbia un’idea chiara del tuo progetto e della sua fattibilità. Infatti, prima di pubblicare la tua campagna sulla piattaforma, ci sono alcune attività che devi svolgere per essere certo  di possedere  tutte le carte in regola per realizzare una campagna di  crowdfunding di successo.

PASSO 1: è importante che tu definisca il tuo pubblico target. Chi è potenzialmente interessato al  tuo progetto? Quali sono le  passioni e interessi che li accomunano alla tua idea?

Come puoi ben capire, per  raggiungere il tuo obiettivo di raccolta fondi, devi creare un database di nominativi di persone che potrebbero essere interessate a sostenere il tuo progetto. In questo modo, potrai contattarle  inviando loro messaggi mirati e convincendoli a donare.

Ti starai chiedendo come si costruisce un database di persone profilate. Il primo passo, facile, è quello di cominciare dalle persone che conosci già: amici, familiari e conoscenti.

Spiega loro a tua idea e chiedi  di appoggiarti condividendo  il tuo progetto con i propri amici e di segnalarti se conoscono qualcuno che potrebbe essere interessato. In questo modo, puoi raggiungere una rete più ampia di persone e aumentare le tue possibilità di successo. Questa azione la puoi mettere in atto di persona magari ideando una serata in compagnia, una cena, un aperitivo oppure parlando con le persone ad una ad una,

PASSO 2: è importante che tu utilizzi i social media per promuovere la tua campagna di crowdfunding culturale. Puoi utilizzare piattaforme come Facebook, Instagram e Tik Tok  per creare contenuti interessanti e coinvolgenti e condividerli con la tua rete. In questo modo, potrai aumentare la visibilità del tuo progetto e raggiungere potenziali sostenitori che ancora non conosci.

PASSO 3: devi assicurarti di scrivere un piano di marketing ben definito per la tua campagna di crowdfunding e realizzare dei contenuti adatti per la promozione, Questo significa che dovrai dedicare del tempo per creare un video coinvolgente, descrivere il tuo progetto in modo chiaro e conciso e offrire delle ricompense in grado di attirare  donazioni. Se possibile, prova a coinvolgere i tuoi sostenitori in modo più diretto, offrendo loro l’opportunità di partecipare al processo creativo del tuo progetto oppure offrendo ricompense speciali per l’attività di diffusione.

In conclusione, se vuoi lanciare una campagna di crowdfunding culturale di successo, devi essere ben preparato.

Possibilmente, cerca di lavorare in gruppo per condividere le cose da fare e, quando sarai in campagna, per sfruttare la forza di tutti per raggiungere l’obiettivo.  Costruisci un database di persone profilate, utilizza i social media per promuovere la tua campagna e assicurati di avere un piano di marketing ben definito.

Con un po’ di impegno e determinazione, puoi raggiungere il tuo obiettivo di raccolta fondi e realizzare il tuo progetto culturale.

Ecco un breve  questionario che potrebbe aiutare a costruire un database per una campagna di crowdfunding culturale:

  1. Qual è il tuo progetto culturale? Descrivi brevemente la tua idea e in che modo contribuirà alla comunità o al mondo della cultura.
  2. Chi è il tuo pubblico target? Quali sono le caratteristiche demografiche, geografiche e psicografiche del tuo pubblico?
  3. Qual è il tuo obiettivo di finanziamento? Quanti soldi  devi raccogliere per realizzare il tuo progetto? Un suggerimento? Prova a dividere la somma per un numero medio di persone e capirai quante persone dovrai contattare per ottenere i tuoi fondi!
  4. Quali sono le tue principali fonti di finanziamento? Hai già contattato sponsor, donatori, fondazioni o altri finanziatori potenziali? Hai un budget da destinare per la promozione della campagna?
  5. Quali sono le principali sfide che prevedi di affrontare nella tua campagna di crowdfunding? Hai un piano per superarle? ?
  6. Quali sono le tue strategie di marketing e di promozione per la tua campagna di crowdfunding? Come ti promuoverai sui social media, sui blog e sui siti web? Conosci qualcuno che potrebbe gestire i social per te oppure dovrai fare tutto da solo?
  7. Come organizzerai la tua rete di sostenitori? Hai già identificato le persone o le organizzazioni che potrebbero sostenere il tuo progetto? Hai scritto una mailing list sfruttando, per esempio  un software come Getresponse?
  8. Come pensi di mantenere l’engagement con i tuoi sostenitori dopo il termine della campagna di crowdfunding?

Spero che questo questionario ti sia utile per costruire il tuo database e per pianificare la tua campagna di crowdfunding culturale!

Se hai un’idea da realizzare, scrivi a progetti@innamoratidellacultura.it o carica direttamente la tua idea sulla piattaforma www.innamoratidellacultura.it .

Caricare il tuo progetto creando un account gratuito sulla piattaforma ti permette di usufruire di 30 minuti gratuiti di consulenza con uno dei nostri project manager.

Al tuo successo!

Emanuela Negro Ferrero – www.innamoratidellacultura.it

Dai valore alla cultura italiana con il crowdfunding : come funziona e perché “.

Ciao amici di Innamorati della Cultura!

Siete pronti per scoprire come il crowdfunding reward può aiutare a supportare  la cultura italiana? Beh, sappiate che siamo qui proprio per raccontarvi tutto quello che c’è da sapere!

Ma prima di tutto,di cosa stiamo parlando? Il crowdfunding reward è una forma di finanziamento collettivo che permette ai sostenitori di una causa o di un progetto di donare denaro in cambio di ricompense, come ad esempio gadget o esperienze legate al progetto stesso.UN esempio? Biglietti di ingresso, visite con l’artista, lezioni di ballo o di canto. Posti dedicati agli spettacoli e così via.

Noi di  Innamorati della Cultura, abbiamo deciso di proporre in maniera verticale  questa forma alternativa di finanziamento per supportare la cultura italiana e tutti gli artisti che costituiscono una  parte essenziale del nostro patrimonio culturale.

E come avete visto sul nostro sito, negli anni abbiamo  avviato diverse campagne di crowdfunding reward che hanno ottenuto un enorme successo!

Come gestire una campagna di crowdfunding culturale

Ma come fare per gestire al meglio una campagna di crowdfunding e ottenere il massimo supporto possibile?

Ecco qui un elenco di consigli utili:

  1. Presentate il vostro progetto in modo chiaro e coinvolgente. Spiegate in dettaglio di cosa si tratta e perché è importante per la cultura italiana. Utilizzate immagini e video per rendere la presentazione ancora più accattivante! Scrivete chiaro e semplice e fatevi aiutare da chi si occupa di comunicazione. Anche l’amico del figlio va bene!
  2. Stabilite obiettivi realistici. Non cercate di raccogliere fondi per un progetto che richiede decine di migliaia di euro in una sola volta. Meglio suddividere il progetto in fasi, stabilendo obiettivi di finanziamento precisi per ogni fase.La campagna chiusa può essere riaperta. Con il vantaggo che ci sarà già un pubblico affezionato.
  3. Offrite ricompense interessanti e creative. Le ricompense dovrebbero essere in linea con il valore del contributo richiesto e con il progetto stesso. Ad esempio, gadget esclusivi, incontri con l’artista, esperienze culturali uniche, etc.
  4. Promuovete la vostra campagna di crowdfunding attraverso tutti i canali possibili. Utilizzate i social media, la newsletter, i blog e tutti gli strumenti di comunicazione a vostra disposizione. Non limitatevi a pubblicare il progetto e aspettare che qualcuno lo trovi da solo! Potete anche organizzare cene benefiche, gare di corsa, eventi

Ecco, con questi consigli sarete già sulla buona strada per gestire al meglio una campagna di crowdfunding e ottenere il supporto necessario per portare avanti i vostri progetti culturali!

Perché può essere vantaggioso pubblicare la campagna di crowdfunding sulla piattaforma

Perché scegliere

www.innamoratidellacultura.it, invece di utilizzare altre forme di raccolta fondi come una colletta digitale o ricevere le donazioni tramite bonifico:

  1. Visibilità e diffusione del progetto: pubblicando il progetto sulla piattaforma www.innamoratidellacultura.it, si ha accesso a una grande community di appassionati di arte e cultura, che potranno conoscere e supportare il tuo progetto. Inoltre, la piattaforma offre strumenti di promozione e di diffusione del progetto, come ad esempio la newsletter e i social media, che possono aumentare la visibilità del progetto.
  2. Software di gestione delle donazioni: la piattaforma www.innamoratidellacultura.it è dotata di un software esterno STRIPE, che gestisce le donazioni in modo sicuro e trasparente. In questo modo, il progettista non deve preoccuparsi di gestire le transazioni e le informazioni dei sostenitori, ma può concentrarsi sul progetto stesso.
  3. Controllo del finanziamento: la piattaforma www.innamoratidellacultura.it offre un controllo completo sul finanziamento del progetto, con la possibilità di monitorare in tempo reale l’andamento della raccolta fondi. Inoltre, il progettista ha il controllo totale sulla gestione delle ricompense e sulla comunicazione con i sostenitori.
  4. Pagamenti sicuri e immediati: grazie al collegamento diretto con il conto corrente del progettista tramite il software esterno STRIPE, le donazioni vengono effettuate in modo sicuro e immediato, senza commissioni o costi aggiuntivi per il progettista.

In sintesi, pubblicare il progetto sulla piattaforma www.innamoratidellacultura.it offre diversi vantaggi per il progettista, come la visibilità e la diffusione del progetto, la gestione sicura delle donazioni, il controllo del finanziamento e i pagamenti immediati.

Quindi, se vuoi promuovere e finanziare il tuo progetto culturale, la piattaforma www.innamoratidellacultura.it può essere la soluzione ideale!

Le piattaforme costano: siamo sicuri che sia uno svantaggio?

È importante capire che la percentuale applicata dalla piattaforma www.innamoratidellacultura.it sulla raccolta fondi è necessaria per coprire i costi vivi del sito, la comunicazione e la gestione delle campagne stesse. Questi costi sono necessari per garantire un servizio di alta qualità e per supportare i progetti culturali che vengono pubblicati sulla piattaforma.

Inoltre, è importante considerare che la campagna resterà pubblicata su www.innamoratidellacultura.it anche quando sarà terminata, offrendo una visibilità continua al progetto e la possibilità di attirare altri sostenitori nel tempo.

Capisco che alcuni progettisti possano lamentarsi del costo della commissione, ma è importante considerare che questo piccolo costo è un investimento per il successo della campagna. Inoltre, a conti fatti su una raccolta fondi di 5000 euro, la commissione della piattaforma sarà di soli 350 euro, che rappresenta davvero una percentuale molto bassa rispetto all’importanza del lavoro che viene svolto per garantire che la gestione della campagna fili liscia.

In sintesi, la percentuale applicata dalla piattaforma www.innamoratidellacultura.it è necessaria per coprire i costi vivi del sito, la comunicazione e la gestione delle campagne, e rappresenta un investimento per il successo della campagna stessa. Quindi, se vuoi promuovere e finanziare il tuo progetto culturale, è importante considerare la piattaforma www.innamoratidellacultura.it come una soluzione vantaggiosa e conveniente.

Come faccio ad aprire una campagna?

Per aprire una campagna di crowdfunding sul sito www.innamoratidellacultura.it, il progettista deve prima di tutto aprire il proprio account sulla piattaforma. La registrazione è gratuita e senza alcun tipo di impegno.

Una volta che il riassunto è stato caricato, il team di progettazione si metterà in contatto con il progettista per fissare una consulenza gratuita di 30 minuti. Durante questa consulenza, il team di progettazione aiuterà il progettista a capire se la sua idea è adatta alla piattaforma e fornirà tutte le informazioni necessarie per aprire una campagna di crowdfunding di successo.

Se tutto è chiaro e il progettista decide di procedere con l’apertura della campagna, basterà compilare tutti i campi presenti nell’account e concordare la data di pubblicazione e la durata della campagna stessa. In questo modo, il progettista potrà promuovere la sua idea progettuale e raccogliere i fondi necessari per realizzarla.

Come puoi vedere, aprire una campagna di crowdfunding su www.innamoratidellacultura.it è davvero facile! Basta registrarsi, caricare il riassunto dell’idea progettuale, fissare una consulenza gratuita con il team di progettazione, compilare tutti i campi necessari e concordare la data di pubblicazione e la durata della campagna.

Quindi, se hai un progetto culturale che vuoi realizzare, non esitare ad aprire la tua campagna di crowdfunding su www.innamoratidellacultura.it!

Redazione www.innamoratidellacultura.it

scrivi a progetti@innamoratidellacultura.it e fissa la tua consuelnza

nft come strumento per il crowdfunding

Crowdfunding con gli NFT

Ciao amante del crowdfunding culturale e… benvenuto sul nostro blog!

Sei pronto a scoprire uno degli strumenti più efficaci e chiacchierati del momento per creare una community intorno ai tuoi progetti artistici? Sì, hai proprio indovinato, sto parlando degli NFT!

Ma aspetta, sai che cosa sono esattamente gli NFT? Beh, in poche parole, gli NFT sono dei token unici e non replicabili che vengono utilizzati per rappresentare asset digitali, come per esempio opere d’arte, musica o video. Grazie alla tecnologia blockchain, gli NFT offrono la possibilità di autenticare e certificare la proprietà di un’opera d’arte digitale, conferendo valore e,soprattutto, unicità all’opera stessa.

Ma ritorno all’ obiettivo principale di questo post: la creazione di una community.

In questo senso gli NFT possono aiutare in diversi modi. Innanzi tutto, possono essere utilizzati come strumento di incentivo per i sostenitori del tuo progetto. Per esempio, potremmo creare una serie limitata di NFT rappresentanti il tuo lavoro, e offrire questi token come ricompensa a chi supporta il tuo crowdfunding. Geniale!

In questo modo, non solo stai offrendo ai tuoi sostenitori qualcosa di unico e prezioso, ma stai anche creando una specie di club esclusivo di persone che condividono la tua passione e lo stesso interesse per il tuo progetto.

Se guardi bene, gli NFT possono diventare un sistema per i nostri sostenitori di interagire con il tuo lavoro usando una modalità nuova e interessante. Ad esempio, si potrebbero utilizzare gli NFT per creare una sorta di “caccia al tesoro” all’interno della tua opera d’arte digitale, oppure per offrire l’accesso esclusivo a contenuti speciali e segreti.

Ma non è tutto: gli NFT possono anche essere utilizzati come strumento di marketing. Il fatto che un’opera d’arte digitale abbia un NFT rappresentante la sua autenticità e unicità può renderla ancora più desiderabile per i potenziali sostenitori. Il concetto della “rarità di un bene” è sempre valido.

La possibilità di acquistare un NFT rappresentante l’opera d’arte digitale può creare una sorta di “mormorio ” intorno al progetto, e il “buzz” si sa, può dare a una maggiore visibilità e, alla fine dei conti, un maggior coinvolgimento della persone che fanno parte della community.

Ma, come sempre, la pratica fa il maestro, quindi ti lascio qui alcuni esempi di come gli NFT possono essere utilizzati in modo efficace per la creazione di una community intorno a un progetto artistico:

  • L’artista digitale Trevor Jones ha creato una serie di NFT rappresentanti una versione digitale del suo celebre dipinto “The Bitcoin Angel”. Grazie a questa iniziativa, ha creato una sorta di club di appassionati di criptovalute e di digital art.
  • L’artista musicale 3LAU ha utilizzato gli NFT per creare una versione “decentralizzata” del suo ultimo album, in cui ogni traccia è rappresentata da un NFT unico. In questo modo, ha offerto ai suoi sostenitori una nuova e innovativa esperienza musicale creando al contempo una community di appassionati della sua creazione.
  • La street artist Mad Dog Jones ha creato una serie di NFT rappresentanti le sue opere d’arte digitali, offrendoli come ricompensa ai sostenitori del suo crowdfunding.
  • Il collettivo di artisti digitale CryptoArtists ha utilizzato gli NFT per creare una piattaforma di scambio di arte digitale basata sulla tecnologia blockchain.

Per concludere, gli NFT possono essere utilizzati in modo creativo e innovativo per coinvolgere la community intorno ai vostri progetti artistici e renderli ancora più preziosi e desiderabili.

Se quindi sei un artista o un creator e vuoi sperimentare questa nuova tecnologia, non esitare a fare qualche ricerca e scoprire come gli NFT possono aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi di crowdfunding e creare una community di appassionati del tuo lavoro creativo.

Se sei interessato a creare la tua gallery di NFT, potresti voler considerare di fissare una consulenza con uno dei nostri project manager.

Possiamno davvero aiutarti a navigare il mondo dei NFT e a creare una strategia efficace per lanciare la tua collezione.

Ecco alcune delle cose che potresti aspettarti da una consulenza con uno dei nostri project manager:

  1. Valutazione del tuo lavoro: il project manager valuterà il tuo lavoro e ti aiuterà a determinare quali opere d’arte o creatività potrebbero funzionare meglio come NFT.
  2. Consulenza sulla blockchain: il project manager ti spiegherà come funziona la tecnologia blockchain e come utilizzarla per creare i tuoi NFT. Quale blockchain scegliere e con quali modalità.
  3. Strategia di lancio: il project manager ti aiuterà a creare una strategia di lancio per la tua collezione di NFT, che potrebbe includere la creazione di una campagna di crowdfunding, la scelta della piattaforma di NFT giusta fino ad arrivare alla promozione della tua collezione su social media e altre piattaforme.
  4. Supporto continuo: il project manager ti offrirà supporto continuo durante tutto il processo, dalla creazione dei tuoi NFT alla vendita e alla distribuzione.

Insomma, se vuoi creare la tua gallery di NFT e non sai da dove iniziare, siamo qui per aiutarti a realizzare i tuoi obiettivi e a creare una community di innamorati della tua arte.

Contattaci oggi stesso per saperne di più!

Redazione – progetti@innamoratidellacultura.it

Crowdfunding Reward per il comparto culturale: caratteristiche e vantaggi.

Il crowdfunding è una pratica sempre più diffusa nel mondo della cultura e consente di raccogliere fondi per progetti artistici, culturali e creativi attraverso la partecipazione attiva dei sostenitori.

Tra le diverse forme di crowdfunding, quella definita reward o, in italiano “ricompensa” è una delle più utilizzate e apprezzate nel settore culturale, in quanto offre numerosi vantaggi sia per i creatori che per chi partecipa con le sue donazioni.

Ma di cosa si tratta esattamente il crowdfunding reward, e quali sono le sue caratteristiche principali?

Innanzitutto, va detto che il crowdfunding reward si differenzia dal crowdfunding di tipo “equity” (in cui i finanziatori diventano azionisti della startup o dell’impresa che sostengono) e dal crowdfunding di tipo “donation” (in cui i finanziatori fanno donazioni senza aspettarsi un ritorno economico diretto).

Nel crowdfunding reward, invece, i donatori  ricevono una ricompensa in cambio del loro sostegno economico al progetto. Questa ricompensa,a seconda del tipo di progetto e del livello di finanziamento corrisponde a diversi tipi di vantaggio: ad esempio, potrebbe essere un biglietto per lo spettacolo o l’evento culturale che si intende realizzare, una copia del disco  o del libro prodotto, una lezione dal vivo oppure  un workshop con l’artista o il creativo che ha lanciato la campagna di crowdfunding, un’opera d’arte o un oggetto di design realizzato ad hoc per i sostenitori, una maglietta, una menzione speciale e così via.

Una delle caratteristiche più interessanti del crowdfunding reward è che permette  di coinvolgere attivamente i sostenitori nel progetto, offrendo loro un’esperienza unica e personalizzata in base al livello di finanziamento. Si viene a creare in questi modo un legame di fiducia e di gratitudine tra  creatore e i suoi sostenitori, i quali a loro volta  possono diventare veri e propri ambasciatori del progetto e della sua visione.

Una campagna di crowdfunding reward offre anche dei vantaggi pratici per i creatori, perché mettendo online l’idea progettuale, possono testare la validità e l’interesse del loro progetto sul pubblico, ricevere dei feedback e suggerimenti utili per capire se l’idea così come è esposta piace oppure ha bisogno di essere modificata, possono ampliare la loro rete di contatti e sostenitori, e soprattutto avere a disposizione una fonte di finanziamento alternativa rispetto ai canali tradizionali che come ben sappiamo sono difficili da ottenere e spesso comportano iter burocratici da far vemire meno la voglia di partecipare ai bandi.

Inoltre, il crowdfunding reward può essere utilizzato anche come strumento di marketing e di promozione del progetto, diffondendo la sua visibilità sui social media raggiungendo un pubblico che potenzialmente può essere globale.

In sintesi, il crowdfunding reward rappresenta una forma innovativa ed efficace di finanziamento e di coinvolgimento del pubblico nel comparto culturale e  offre vantaggi sia per i creatori che per i finanziatori.

Un esempio di campagna di successo? Nel 2020, gli eredi del famosissimo compositore italiano Giuseppe Verdi, hanno lanciato una campagna di crowdfunding su www.innamoratidellacultura.it per finanziare i lavori di restauro di Villa Verdi, la casa del celebre compositore.

L’obiettivo della campagna era di raccogliere 100.000 euro, necessari per il recupero del tetto della villa, danneggiato dalle intemperie.

La campagna ha proposto diverse ricompense per i sostenitori, tra cui visite guidate alla villa, concerti privati, e la possibilità di vedere il proprio nome inciso su una targa commemorativa all’interno della villa. Grazie alla sua importanza storica e culturale, Villa Verdi ha attirato l’attenzione di molti appassionati di musica e di cultura in generale, che hanno partecipato alla campagna di crowdfunding.

La campagna di crowdfunding “Salviamo Villa Verdi” ha ottenuto il sostegno di più di 800 sostenitori provenienti da tutto il mondo. Il successo della campagna ha dimostrato il grande interesse per la figura di Giuseppe Verdi e per il patrimonio culturale italiano, e ha permesso di avviare alcuni lavori di restauro.

La campagna di crowdfunding “Salviamo Villa Verdi” è un esempio di come il crowdfunding reward possa essere utilizzato con successo per finanziare progetti di restauro e valorizzazione del patrimonio culturale, coinvolgendo il pubblico e creando una comunità di appassionati attorno a un progetto di grande valore storico e culturale.

Se sei un artista, un musicista, un designer o un creativo che desidera realizzare un progetto culturale, il crowdfunding reward potrebbe essere la soluzione giusta per te.

Contattaci alla mail progetti@innamoratidellacultura.it oppure crea gratuitamente il tuo account e carica il tuo progetto sulla nostra piattaforma

crowdfunding

Crowdfunding Culturale: come comunicare al meglio la tua campagna.

Il crowdfunding culturale è un modo efficace per finanziare progetti culturali e artistici. Ma, per ottenere successo, è importante saper comunicare in modo adeguato la propria campagna. Ecco alcuni consigli per aiutarti a ottenere il massimo dalla tua campagna di crowdfunding culturale.

  1. Sviluppa una strategia di marketing efficace: La comunicazione è fondamentale per il successo di una campagna di crowdfunding. Assicurati di avere una strategia di marketing solida che comprenda l’utilizzo dei social media, la posta elettronica e il coinvolgimento dei media locali.
  2. Crea un video emozionante: Un video emozionante può fare la differenza nella tua campagna di crowdfunding. Mostra il tuo progetto in modo creativo e coinvolgente per attirare l’attenzione dei potenziali finanziatori.
  3. Coinvolgi la tua comunità: Coinvolgi la tua comunità nella tua campagna di crowdfunding. Chiedi ai tuoi amici e alla tua famiglia di condividere la tua campagna sui social media e di sostenerla finanziariamente.
  4. Scegli la piattaforma di crowdfunding giusta: La scelta della piattaforma di crowdfunding giusta è fondamentale per il successo della tua campagna. Noi di Innamorati della Cultura siamo specializzati in campagne di crowdfunding culturale dal 2014 e possiamo offrire una piattaforma tailor made per soddisfare le tue esigenze.

Ci sono tanti esempi di campagne di crowdfunding culturale di successo. Molte le puoi vedere pubblicate sul nostro sito ma questa che ti raccontiamo è stata davvero speciale.

Nel 2016, il Museo d’Arte Antica di Roma lanciò una campagna di crowdfunding per finanziare il restauro delle sue collezioni storiche. La campagna aveva lo scopo di raccogliere fondi da privati, organizzazioni e aziende interessati a sostenere la conservazione della cultura e dell’arte italiana.

La campagna fu un successo, raccogliendo oltre 1 milione di euro in soli tre mesi. Il museo ha utilizzato i fondi raccolti per restaurare quadri, sculture e opere d’arte, creare nuovi spazi espositivi e migliorare l’accessibilità per i visitatori con disabilità.

La campagna di crowdfunding ha anche attirato l’attenzione dei media e del pubblico, aumentando la visibilità e la reputazione del museo. Inoltre, ha coinvolto la comunità in un progetto importante e ha permesso a molte persone di diventare parte attiva della conservazione del patrimonio culturale italiano.

Questo esempio dimostra che il crowdfunding culturale è una soluzione efficace per finanziare progetti culturali e artistici e che, grazie alla tecnologia blockchain, le transazioni sono rapide, sicure e trasparenti.

La nostra piattaforma, specializzata in campagne di crowdfunding culturale dal 2014, è in grado di supportare la realizzazione di progetti simili con successo.

La chiave per una campagna che raggiunge, o supera, il suo obiettivo di raccolta è la comunicazione.

Per comunicare una campagna di crowdfunding culturale in modo efficace, è necessario definire una solida strategia di comunicazione e un budget adeguato. La comunicazione gioca un ruolo fondamentale nell’esito di una campagna di crowdfunding, poiché permette di raggiungere il pubblico giusto e di generare l’interesse e l’entusiasmo necessari per ottenere il sostegno finanziario.

Per iniziare, è importante identificare il proprio pubblico di riferimento e definire le piattaforme più appropriate per raggiungerlo. Ad esempio, se il pubblico di riferimento è formato principalmente da appassionati di arte, potrebbe essere utile concentrarsi sui social media specializzati in arte e sui siti web di cultura.

Inoltre, è importante definire un budget per la comunicazione, che possa coprire i costi di produzione di materiali promozionali, come video, immagini e post sui social media, e per la pubblicità sui siti web pertinenti.

Per rendere la comunicazione ancora più efficace, è fondamentale che sia coerente con il progetto e che trasmetta la passione e l’entusiasmo per il progetto stesso. Infine, è importante tenere traccia dei risultati della comunicazione, in modo da poter apportare eventuali modifiche e migliorare la strategia nel tempo.

Con una solida strategia di comunicazione e un budget adeguato, una campagna di crowdfunding culturale avrà maggiori possibilità di successo, e potrà contribuire a finanziare progetti culturali di grande importanza.

Il successo di una campagna di crowdfunding culturale dipende certo da molti fattori ed è per questo che è importante sapere che è necessario dedicare tempo e risorse, anche economiche, per delineare ed attuare il proprio piano d’azione.

Non tutti tuttavia hanno le competemze o il tempo per agire da soli. Se sei in questa situazione o vuoi investire in una comunicazione di successo, il nostro team è a tua disposizione per supportarti al 100%. Possiamo creare la strategia di comunicazione oppure offrirti supporto professionale tramite call one to one con uno dei nostri coach ed aiutarti ad ottenere il massimo dalla tua campagna di crowdfunding culturale. Il nostro obiettivo è quello di sostenere il tuo progetto perché diventi un vero successo.

Se hai un’idea e vuoi sapere se può essere finanziata con il crowdfunding scrivi a:

progetti@innamoratidellacultura.it e fissa la tua call gratuita con uno dei nostri project manager.

Emanuela Luisa Negro Ferrero

Il Crowdfunding crea… comunità.

Il crowdfunding è un termine inglese composto da due parole: “crowd”, che in italiano si traduce come folla, e “funding che letteralmente significa “finanziamento. La traduzione “finanziamento dalla folla” implica il coinvolgimento attivo di persone. Più specificatamente di riuscire a costruire una comunità attiva, sia digitale

Una campagna di crowdfunding certamente ha come scopo primario quello di raccogliere fondi per consentire la realizzazione di un progetto o di un prodotto, ma questo obiettivo si può raggiungere solo ed esclusivamente se si è capaci di coinvolgere un certo numero di persone a partecipare, sia alla raccolta fondi ma, anche e soprattutto, alla realizzazione del progetto stesso.

Da venerdì scorso, sulla piattaforma www.innamoratidellacultura.it è pubblicata la campagna proposta da Scuola Romana di Circo dal titolo Community Library. Si tratta di una raccolta fondi . che ha come scopo primario quello di “costruire” una comunità attiva di persone, appassionate di Circo, interessate a partecipare economicamente alla realizzazione del progetto per poterne usufruire.

L’idea di partenza di  Community Library nasce dalla considerazione che la biblioteca è il cuore pulsante di ogni comunità, è il centro di aggregazione che, attraverso la cultura, è in grado di costruire e rafforzare  legami permanenti fra persone e il territorio in cui sorge.

Gli appassionati di circo in tutto il mondo sono moltissimi. I dati indicano una crescita esponenziale di questo tipo specifico di pubblico, anno dopo anno.  L’idea di Scuola Romana di Circo è quella di realizzare una biblioteca specializzata  interamente alla  raccolta, conservazione, e valorizzazione di documenti legati alla storia del Circo e, anche, di realizzare  un centro servizi dedicato alla promozione della lettura, dello spettacolo dal vivo e della cultura circense. Un luogo sia digitale che fisico dove potersi arricchire spiritualmente e culturalmente, divertire e, soprattutto, connettere.

Il lavoro per arrivare a realizzare tutto questo è imponente. E costoso.  La biblio- mediateca raccoglierà tutti i più importanti libri dedicati al circo, oltre ad un archivio composto di documenti, sia analogici che digitali.

La Community Library della Scuola Romana del Circo  contribuisce a raccontare la storia e l’identità del Circo proponendo  ad un pubblico variegato composto da professionisti del settore, allievi delle scuole di circo e di altre arti performative, bambini e ragazzi del quartiere o semplici curiosi eventi concepiti per coinvolgere, aggregare, istruire e intrattenere.

Community Library è una Biblioteca di Comunità inteso come centro di coesione sociale, un luogo aperto e inclusivo dove le persone possono incontrarsi e creare relazioni e interazioni.

La campagna per Community Library propone, a chi decide di partecipare, delle ricompense che ben esprimono il concetto di condivisione. Sarà possibile ricevere delle lezioni di circo, copie della rivista o del libro fotografico e partecipare agli spettacoli come ospite d’onore.

Da oggi, domenica 19 settembre, la Community Library è aperta al pubblico con orari dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle 13:00.

Redazione  www.innamoratidellacultura.it